Che Massa! Marilius al tappeto

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Sorrento – All’Italia’ il Massa Lubrense di mister Miniero dimostra ancora una volta di essere la vera e propria mina vagante del girone B del campionato di Promozione. Una prestazione quanto mai cinica in fase offensiva e sacrificata dalla cintola in giù, consente infatti ai nerazzurri massesi di stendere la più quotata Marilius Vesuvio (terza forza del girone, ndr.) con un netto 3-1 che, complice la sconfitta interna dell’Atletico Bosco, li proietta al quinto posto in solitario, giusto un punto dietro la soglia dei tanto agognati play-off.

Sul sintetico dell’impianto di via Califano il navigato tecnico Miniero si affida al classico 4-4-2, confermando in avanti il duo Aiello-Marino. L’allenatore mariglianese Papa, invece, schiera i suoi in campo con un elastico 4-1-4-1, dove Vi.Marino galleggia tra la linea difensiva e quella mediana.
I primi minuti di gioco sono di vera e propria sofferenza per Aiello e compagni. La Marilius, infatti, parte a spron battuto e mette più di una volta in difficoltà i locali: al 10′ Sgambati dalla destra lascia partire un tiro-cross, Fiorentino smanaccia, poi Siniscalchi è bravo ad anticipare Rea ed a mettere in corner. Al 14′, invece, a vestire i panni del suggeritore è P.Esposito che vede e serve sulla destra lo sgusciante Sgambati, il cui diagonale è deviato da Fiorentino ancora una volta in corner.

Il primo acuto del Massa dopo la sfuriata iniziale degli avversari coincide con il minuto ventiquattro: Esposito mette al centro dalla sinistra, Aiello prova ad incornare ma non trova l’impatto con il pallone che capita però sui piedi di Prestigiovanni che dopo aver fatto fuori un avversario con un dribbling calcia a botta sicura dal limite dell’area piccola, trovando l’opposizione provvidenziale di Zobel che con il piede devia in angolo. L’occasione sfumata è solo il preludio al gol, che arriva puntuale due minuti dopo: a mettere la propria firma sul tabellino è il golden boy Esposito che trasforma in rete un calcio di punizione dal limite su cui Sorrentino non può nulla. La risposta degli ospiti si concentra in un uno-due nelle battute finali della prima frazione di gioco: nella prima occasione (45′) Vaia crossa dalla destra, il pallone attraversa tutta l’area di rigore ma Rea manca di un soffio il tap-in.
Due minuti dopo poi, sempre dall’out destro, a scodellare al centro è stavolta Sgambati, P.Esposito vince il duello aereo con L.Gargiulo ma non inquadra il bersaglio.
I secondi quarantacinque minuti di gioco si aprono con un episodio dubbio, che l’arbitro, il signor Carbone di Frattamaggiore, risolve a favore del Massa concedendo al 60′ un calcio di rigore per un contatto molto dubbio tra Vitale e lo sgusciante V.Esposito. Dal dischetto si presenta il veterano Aiello, che non sbaglia. 2-0 Massa. I marigliani, che protestano a lungo per la valutazione del direttore di gara, riescono a rimettersi in carreggiata al 76′. A confezionare l’azione del gol è ancora la premiata ditta Sgambati-P.Esposito, con quest’ultimo che finalizza un assist del compagno con una semi rovesciata da cineteca. Nemmeno il tempo di completare i festeggiamenti che per gli uomini di mister Papa arriva subito la doccia gelata.

A dare la definitiva mazzata ai mariglianesi ci pensa Marino che giusto un giro di lancette più tardi riporta i suoi sul doppio vantaggio grazie ad un preciso pallonetto su assist di De Gregorio. Forti del 3-1 i nerazzurri amministrano con sagacia i minuti che li separano dal novantesimo, correndo l’unico pericolo all’84’ quando Fiorentino con un colpo di reni dice no ad uno scatenato P.Esposito, bravo a colpire con forza e precisione dal limite dell’area di rigore. Al triplice fischio dell’arbitro, la gioia di giocatori ed addetti ai lavori nerazzurri è immensa: battuto un avversario ostico come la Marilius Vesuvio, il sogno dei play-off per la squadra di mister Miniero non è più un miraggio.

Campionato Regionale Promozione – girone B
Diciannovesima Giornata
Massa Lubrense – Marilius Vesuvio 3-1

Marcatori: 26′ p.t. Esposito V (ML), 15′ s.t. rig.Aiello (ML), 31′ s.t. Esposito P. (MV), 32′ s.t. Marino (ML)
Massa Lubrense (4-4-2): Fiorentino 6,5; Siniscalchi 6, Gargiulo L. 6 (dal 12′ s.t. Santini 6) De Luca 6, De Gregorio 6; Prestigiovanni 6, Vinaccia 6,5, Guitto 6,5, Esposito V. 7,5 (dal 19′ s.t. Terminiello ); Marino, Aiello (dal 28′ s.t. Tufano). A disposizione: Ruocco, Fiorito, Gargiulo V. Celentano. Allenatore: Gaetano Miniero.
Marilius Vesuvio (4-1-4-1): Sorrentino 5,5; Vitale 5,5, Esposito 5 F. Marino Va 6, Zobel 6; Marino Vi 6; Sgambati 6,5, Vaia 6 (dal 35′ s.t. Del Prete s.v.), Civita 5 (dal 3′ s.t. Tulimiero 5,5), Rea 6 (dal 13′ s.t. Di Napoli 6); Esposito P. 7 A disposizione: Sposito, Allocca, Piccolo, Carpino. Allenatore: Aldo Papa.
Arbitro: Francesco Carbone di Frattamaggiore (Gemma/Addonzio)
Ammoniti: Esposito V. (ML), Esposito F. (MV), Marino Vi. (MV), Prestigiovanni (ML), Vaia (MV)
Calci d’angolo: 5-10
Recuperi: 2′ primo tempo, 4′ secondo tempo.
Note: Giornata soleggiata, temperatura mite, terreno di gioco in erba sintetica. Presenti circa 100 spettatori.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!